Home Stile di vita 4 attività da svolgere dopo un colloquio di lavoro, secondo Harvard.

4 attività da svolgere dopo un colloquio di lavoro, secondo Harvard.

0
4 attività da svolgere dopo un colloquio di lavoro, secondo Harvard.

Il processo di colloquio di lavoro può essere spesso stressante. Combina l’ansia di un esame con la reale conseguenza di dover guadagnare da vivere. Sostenere una serie di colloqui di lavoro fino a trovare la giusta posizione può essere quindi un’esperienza difficile ed è utile sapere come gestire questo delicato esercizio. Secondo Art Markman, professore di psicologia e marketing, e il suo articolo pubblicato su Harvard Business Review, ci sono una serie di azioni da compiere per distinguersi nel processo di colloquio di lavoro e aumentare le possibilità di ottenere questo lavoro (o quello successivo)…

1. Scrivere un messaggio di ringraziamento

Un’email o qualsiasi altra forma di comunicazione scritta professionale per dire « grazie » poco dopo il colloquio è un ottimo modo per distinguersi dalla maggior parte degli altri candidati. Attenzione: la comunicazione deve avere lo scopo solo di ringraziare e non deve assolutamente essere utilizzata come occasione per verificare quando si avranno notizie, per aggiungere informazioni che avete dimenticato di dare durante il colloquio o per fare nuove domande sul lavoro. Deve essere un ringraziamento semplice e chiaro.

2. Assicurarsi il follow-up (intelligentemente)

Come indicato al punto precedente, il messaggio di ringraziamento non è il momento di verificare se si ha la possibilità di ottenere una risposta dall’azienda. Il momento giusto per farlo è alla fine del colloquio, prima di uscire. Se il tempo di risposta menzionato in quel momento è scaduto e non si sa ancora come stanno le cose, è normale inviare un messaggio di follow-up. Una settimana è generalmente un buon momento di attesa, e invece di chiedere impazientemente dove si trovano le cose, esprimete il vostro interesse a lavorare con la persona, ringraziate brevemente per aver dedicato del tempo a parlare con voi e offritevi di inviare eventuali informazioni supplementari di cui potrebbero avere bisogno.

3. Far sapere (con tatto) che si è attesi altrove

Se vi trovate nella situazione in cui non avete ricevuto una risposta dall’azienda per cui preferireste lavorare, ma un’altra vi ha fatto un’offerta concreta su carta, è del tutto normale farlo sapere all’azienda ambita. Ma è importante che il vostro messaggio non sia interpretato come una minaccia. È meglio scrivergli per dire che avete ricevuto un’altra offerta, ma che siete maggiormente interessati alla posizione offerta dalla loro azienda. In questo modo fornirete le informazioni di cui avete bisogno e mostrerete di essere abbastanza interessati da attendere una loro risposta prima di prendere una decisione, il che giocherà a vostro favore a lungo termine.

4. Chiedere un feedback sul colloquio

Se non avete ottenuto il lavoro, è sempre bene inviare una nota di ringraziamento comunque. È anche possibile cogliere l’occasione per chiedere se hanno consigli o idee da condividere su cosa avreste potuto fare meglio. Non è veramente compito del reclutatore darvi consigli, ma se lo faranno, potrete segnare i punti da migliorare per il prossimo colloquio.