Home Benessere Seguire il suono: i benefici della meditazione con il tamburo.

Seguire il suono: i benefici della meditazione con il tamburo.

0
Seguire il suono: i benefici della meditazione con il tamburo.

Il suono e il ritmo sono elementi fondamentali dell’esistenza umana. Siamo circondati dal suono. La pioggia, il vento, il tuono, il fruscio della natura… Già dal quarto mese della nostra vita fetale, il suono arriva a noi. I battiti del cuore della nostra madre ma anche i suoni provenienti dall’esterno.

Il suono è all’origine dell’umanità! L’uso del suono come metodo di cura risale alla preistoria. I benefici del suono si offrono a voi attraverso la meditazione con il tamburo, scopriteli subito.

Suivre le son : Les bienfaits de la méditation au tambour

Pexels

La vibrazione è utilizzata per rivitalizzare e introdurre il movimento di energia interna, che si trasmette attraverso l’acqua che costituisce il nostro corpo al 60%. Il « massaggio interno » sonoro indotto dalle frequenze emesse dal suono consentirà questo bagno di relax e favorirà il rilassamento.

1 – Perché integrare il tamburo nella meditazione?

Il tamburo possiede una gamma armonica molto ampia, con frequenze molto gravi. Questo incontro con il suono mantiene lo stato vibratorio del nostro organismo e consente di sollecitare i nostri sensi.

Lasciarsi invadere dalla vibrazione… Diventare questa vibrazione… Lasciarsi trasportare senza proiezione mentale e… Accogliere ciò che viene, lasciare venire in superficie ciò che deve emergere.

Tous les bénéfices de la méditation au tambour

Pexels

L’istante di meditazione diventa così questo viaggio all’interno di sé e, questa vibrazione aiuta a calmare la mente e a ridurre le proiezioni. Essere qui e ora, in questo prezioso istante presente, ed entrare in risonanza… Connettersi a ciò che si sente e a ciò che vibra dentro di noi!

2 – Essere al proprio posto

Attraverso il suo suono con frequenze gravi, il tamburo provocherà questa radicazione e di conseguenza possiamo sperimentare la sensazione di essere « al proprio posto » in questo mondo.

L’uso del tamburo per guidare la meditazione radica questo radicamento nelle profonde forze della terra, la materia prima della vita. La terra che Ippocrate, il padre della nostra medicina attuale, raccomandava in bagni per purificare il corpo e la mente.

3 – Immaginiamo…

Il pianista N. Robert ci dice: « Il suono provoca vibrazioni che risvegliano sentimenti ».

La méditation au tambour

Pexels

Immaginate di gettare una pietra in un lago, le onde che si creano si propagheranno su tutta la sua superficie… Lo stesso accade con l’acqua contenuta nelle nostre cellule.

Queste vibrazioni diventano la « strada secondaria » per mettere il cervello in uno stato meditativo, i cui benefici contro lo stress e l’infiammazione sono dimostrati dagli studi (Cf. l’osteopata inglese Peter Guy Manners che ha sviluppato le terapie a diapason nel 1960).